Corso Trieste,61 00198 Roma
06 8418006 - 06 8418007

L'affido Familiare

L' Affidamento Familiare è la disponibilità di una famiglia ad accogliere temporaneamente un bambino che proviene da una famiglia in difficoltà; è dunque un aiuto rivolto al bambino o al ragazzo, al quale viene data la possibilità di crescere in un famiglia adeguata, dal punto di vista morale affettivo ed economico, mentre la sua famiglia di origine è in difficoltà. rispettando la sua storia individuale e genitoriale.

I bambini in situazione d'affido vanno dai 0 ai 18 anni, possono quindi essere neonati oppure adolescenti.
Per l'accoglienza vengono privilegiate le famiglie con figli, ma possono diventare affidatarie anche le coppie senza bambini e i single.
Le famiglie affidatarie potranno contare su supporti psicologici, sociali, sanitari, finanziari e assicurativi e godere di tutte le agevolazioni di legge sulla maternità.
 
Le caratteristiche principali dell' affido sono:
- la temporaneità
- il mantenimento dei rapporti con la famiglia di origine
- la previsione di rientro nella famiglia di origine


L'affidamento familiare può essere:

Residenziale: quando il bambino o l'adolescente  trascorrono con gli affidatari giorno e notte pur mantenendo rapporti periodici con la propria famiglia.
Questa tipologia di affidamento è disciplinata dalla legge 184/83 così come modificata dalla legge 149/2001 e prevede due tipi di affidamento:
- Consensuale: si realizza con il consenso della famiglia d'origine.
I genitori riconoscono le loro difficoltà e accettano di affidare per il tempo necessario, il figlio ad un'altra famiglia che percepiscono solidale con loro. È un atto impegnativo e faticoso che implica un rapporto di fiducia reciproca.
Il provvedimento di affido è reso esecutivo dal Giudice Tutelare che ne controlla la regolarità.
- Giudiziale: viene disposto dal Tribunale per i Minorenni e realizzato dal Comune, di norma quando manca il consenso della famiglia d'origine. Deve esserci a monte una situazione di grave disagio e di rischio per il minore.

Diurno: il bambino trascorre con la famiglia affidataria parte della giornata, ma alla sera torna a casa dai suoi genitori; esistono anche affidamenti educativi diurni in cui l'affidatario si reca a casa del minore per svolgere attività di ri-socializzazione e di sostegno scolastico. Il progetto di affidamento diurno si propone l'intento di mantenere il bambino nel proprio domicilio.